I cappellacci di zucca di Ferrara (Caplaz)

La cucina ferrarese è da considerarsi storica dato che la corte poteva usufruire ai tempi di cuochi famosi, le feste e i banchetti che venivano organizzati possono, ancora oggi, rivivere nei piatti della tradizione. Ecco allora i cappellacci di zucca di Ferrara, un primo autunnale e delizioso.

Difficoltà:
Tempo di preparazione: 45 minuti
Tempo di cottura: 4 minuti

Ingredienti per 4 persone:
3 uova
400 gr. di farina
1 kg di polpa di zucca gialla
Parmigiano reggiano grattugiato
Pangrattato
1 uovo
Noce moscata
2 foglie di erba salvia
100 gr. di burro

Preparare una buona sfoglia è il segreto per tutte le paste ripiene, per questo motivo ognuno ha i suoi metodi, anche se, alcune regole stanno alla base.

Prima di tutto utilizzate una spianatoia o un tavolo che non siano troppo alti, altrimenti impastare diventa complicato. Mettete la farina sulla spianatoia a fontana e nel mezzo le uova, quindi iniziate a impastare e lavorate il tutto per circa 15 minuti senza aggiungere né sale né acqua. Ricordate di impastare servendovi del peso del vostro corpo e non dei polsi, altrimenti il giorno dopo aver fatto la sfoglia saranno più che doloranti...

Stendete la sfoglia con il matterello, meglio se di quelli lunghi senza manici, oppure, meno tradizionalmente, potrete utilizzare una macchina per la pasta manuale.

La sfoglia per le paste ripiene non deve essere proprio sottilissima, quindi tenete conto del fatto che dovrà essere più che altro elastica e che l'elasticità viene ottenuta impastando. Magari concedete qualche minuto in più a questa fase della preparazione!

Mentre preparate la sfoglia, mettete nel forno molto caldo la zucca gialla con la scorza ma senza i semi ed arrotolata con carta stagnola. Lasciatela cuocere per 20 minuti in questo modo e, successivamente toglietela dal forno e lasciatela raffreddare.
Intanto tornate alla vostra sfoglia che, una volta stesa, lascerete riposare per un buon quarto d'ora. Preparate intanto in una ciotola la polpa della zucca avendo cura di pressarla con i rebbi di una forchetta oppure tritatela grossolanamente in un mixer. Ottenuto questo composto denso, unitevi un uovo, la punta di un cucchiaino di noce moscata, il pangrattato ed il parmigiano, sale e pepe.

Il ripieno dei cappellacci sarà piuttosto denso, regolatevi quindi con il parmigiano ed il pangrattato per ottenere la densità desiderata. Tagliate a questo punto la sfoglia in quadratoni con il lato di 5 o 6 centimetri e ponetevi al centro un cucchiaio abbondante di impasto di zucca, chiudete in quadrato in diagonale in modo da formare un triangolone e, successivamente unite le due estremità come per fare un grosso tortellone.

Fate lessare i cappellacci in acqua bollente salata e saltateli in padella con un bel fondo di burro abbondante, la salvia ed ancora una puntina di noce moscata.

Serviteli caldi con una spolverata abbondante di parmigiano ed una foglia di salvia grande per guarnire il piatto.




Avete apprezzato i cappellacci di zucca di Ferrara (Caplaz)?
Allora date un'occhiata alla lista di ricette che vi proponiamo qui sotto, siamo sicuri che ne troverete altre di vostro gradimento:

Gnocchi di zucca con sugo di salsiccia
Bomba di riso al ragù di carne
Gnocchetti di ricotta
Calzagatti
Minestra reale
Risotto al cavolo cappuccio
Strozzapreti di Forlì
Risotto di zucca gialla
Tortelloni della Vigilia (di Natale)

 

Cucina e Ricette
Ricette, vini e menù di cucina italiana ed etnica





Pubblicità
sulle pagine di
Cucina e Ricette

Clicca qui!


Ricette veloci
Primi piatti
Secondi piatti


Ricette facili
Primi piatti
Secondi piatti


Ricette di pesce
Primi piatti
Secondi piatti


Ricette vegetariane
Primi piatti
Secondi piatti
Cucina italianaCucina etnicaCucina creativaRicette in libertàRubricheAlimentazioneCucina nel Web




Le ricette
più fresche

e i nuovi articoli, senza muovere un dito.
Clicca qui!
© 2004-2015 www.cucinaericette.it - Influsso Web Agency Firenze - P.IVA 06308110482 - Privacy Policy - Cookie policy

Questo sito non è una testata giornalistica con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. L’autore non ha alcuna responsabilità per i siti segnalti; il fatto che il sito fornisca dei collegamenti a siti esterni non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.